domenica 18 ottobre 2020

Supporti e resistenze come individuarli

I supporti e le resistenze nel trading quotidiano sono molto importanti., i supporti così come le resistenze sono livelli di prezzo importanti e significativi, un supporto sostiene e spinge il prezzo verso l'alto, una resistenza blocca e respinge il prezzo verso il basso.

Individuare questi livelli di prezzo e molto semplice, sono livelli che toccati almeno due volte sostengono o bloccano il prezzo, questo può far cambiare i nostri piani di trading dandoci dei punti di riferimento ben precisi.

I supporti e le resistenze non durano all'infinito, un supporto può essere forato a ribasso ed una resistenza può essere oltrepassata a rialzo, non e possibile determinare un periodo di tempo minimo per cui un supporto o una resistenza abbiano efficacia, questo deve essere valutato sessione dopo sessione.

Una cosa importante da sapere e che un supporto valido, nei punti dove rimbalza e spinge il prezzo verso l'alto, e accompagnato da volumi alti e sostenuti, al contrario, quando una resistenza respinge il prezzo verso il basso, a conferma non occorre che vi siano grandi volumi.

Esistono poi i supporti e resistenze statici e dinamici, quando sono statici il livello di prezzo "importante" e sempre lo stesso, quando sono dinamici il livello di prezzo "rilevante" cambia con il passare del tempo, ultima cosa interessante e la interscambiabilità, vuol dire che un livello di prezzo che in precedenza e stata una resistenza può con il tempo diventare un supporto, e viceversa, un livello di prezzo che e stato un supporto potrebbe diventare una resistenza, sono tutti fattori che possiamo individuare e interpretare osservando lo sviluppo dei grafici.

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Come possiamo vedere abbiamo un supporto, toccato al medesimo livello di prezzo quattro volte, da notare che dal secondo tocco in poi i volumi sono ben aumentati, infine al quarto tocco il prezzo decide di salire con continuità come indicato dalla freccia, ci troviamo su un supporto statico, il prezzo toccato ripetute volte e sempre lo stesso.

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Partendo da sinistra vediamo il prezzo che sale con forza, come indicato dalla freccia, ma ad un certo punto la salita si arresta, incontriamo una resistenza statica, toccata ben tre volte, e se facciamo più attenzione un livello di prezzo appena più in basso da quello evidenziato dalla linea rossa e stato toccato altre tre volte, abbiamo quindi un livello di prezzo che ha arrestato la salita, dal punto tre vediamo che il prezzo decide e scendere vorticosamente, come abbiamo detto in precedenza i volumi in questo caso non ci servono.

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Qui abbiamo un trend a scendere, questo e formato da vari cross che determinano un canale ben definito, formato da un supporto e una resistenza dinamica, abbiamo detto dinamica perchè i punti toccati vanno a scendere quindi cambiano livello di prezzo, quello che vediamo nell'immagine può verificarsi in egual modo ma con un trend a salire. Dal punto cinque del supporto dinamico e dal punto tre della resistenza dinamica il canale di trend si interrompe, vediamo il prezzo che lateralizza un pò per poi crollare definitivamente e con decisione verso il basso.

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Interscambiabilità supporti e resistenze., come possiamo vedere quello che in precedenza e stato un supporto successivamente e diventata una resistenza, ecco un ulteriore valido motivo per tenere sempre sotto controllo alcuni livelli di prezzo, ciò che e stato importante in precedenza può esserlo anche in futuro., può verificarsi il caso opposto, una resistenza che diventa un supporto.

....... per qualsiasi chiarimento nei commenti Grazie :-)

sabato 10 ottobre 2020

Medie mobili nel trading

Medie mobili come evitare i falsi segnali? Con più o fasci di medie.

Purtroppo l'utilizzo di questo strumento nel trading procura molti falsi segnali, le medie mobili sono un filtro dei prezzi che indicano la direzione principale del prezzo, ma si basano esclusivamente su quest'ultimo quindi l'interpretazione e molto semplice e fine a se stessa.

Ma c'è un ma, se utilizziamo diversi periodi con più medie le cose cambiano, non azzeriamo i falsi segnali, quelli rimangono sempre, ma in questo modo riusciamo a individuare le fasi di particolare direzionalità, che sia rialzista o ribassista.

Questo e lo scopo principale e vincente delle medie mobili, individuare e confermare trend molto ponderati, che noi possiamo sfruttare per le nostre entrate a mercato, quindi utilizzando più medie di diverso periodo, da una veloce 10 periodi, da una un pò più lenta 20 periodi, e l'ultima a 30 periodi abbastanza lenta rispetto alle prime due.

Dove stà il segreto?

Il segreto e quello di individuare queste tre medie mobili equidistanti tra loro, quindi con una distanza media equivalente e che viaggiano in modo parallelo, ovviamente il prezzo dovrà trovarsi o al di sopra o al di sotto del fascio di medie.

Molti pensano che sia l'incrocio delle stesse a dare un segnale valido per tradare, secondo il mio modesto parere, e sbagliato, le medie quando mostrano un cambiamento, un'inversione, fanno esattamente quello che fa il prezzo, e niente e nessuno ci potrà confermare che quell'inversione sia valida e persistente, ecco che spesso arriva il falso segnale.

Osservare invece fasci di medie mobili che viaggiano all'unisono parallelamente e equidistanti tra loro, considerando il periodo differente, ci porta a considerare entrate in trend, quindi non abbiamo dubbi, entriamo in posizione in trend consolidati, cosa può esserci di più giustificato e corretto?

Quindi sappiamo come considerare e valutare le medie mobili, ma posso affermare che anche in questo caso non siamo immuni da falsi segnali, può esserci un'inversione repentina, anche temporanea, che interrompe la visione del nostro trend consolidato, ma con la rottura delle varie medie in senso contrario a quello che noi seguivamo può metterci in allarme.

- Vediamo un'immagine esplicativa punto per punto

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

1) al punto uno abbiamo la condizione ideale, le tre medie viaggiano equidistanti tra loro e puntano tutte nella medesima direzione, avremmo potuto attendere un rimbalzo che toccasse la media più veloce, quella bianca a 10 periodi, dopo avremmo dovuto attendere che una candela chiudesse a rialzo, quindi entrare in posizione, per l'esempio sopra riportato come già detto in precedenza ho utilizzato tre medie mobili, di tipo semplice, applicate alla chiusura., bianca a 10 periodi, verde a 20 periodi, rossa a 30 periodi. Ovviamente non possiamo escludere l'utilizzo di altri indicatori, per chi fa trading con le medie può valutare per esempio l'aggiunta dell'indicatore ADX, più vado avanti con la scrittura del post più mi sembra di parlare di una strategia trend following, ma il punto focale rimangono le medie mobili ed il loro migliore impiego per evitare falsi segnali. 

2) punto due, le medie si intersecano diverse volte tra loro, come si vede dall'immagine e iniziata una fase incerta e laterale, cosa più importante da notare e che le medie mentre si intersecano sono molto vicine tra loro, questo significa indecisione del mercato, non c'è nulla di buono per un trader, questa e una fase da evitare assolutamente.

3) nel punto tre le medie si distanziano molto bene tra loro, questo poteva dare l'idea di una possibile entrata a mercato, ma considerando un punto ideale dove le medie sono ben distanziate, punto che ho segnalato nell'immagine con una riga bianca e due pallini ai vertici, in quel momento il prezzo andava in laterale, già da un pò pergiunta, quindi non saremmo entrati in posizione nonostante il buon segnale delle medie questo perchè il prezzo ci raccontava un'altra storia. Osserviamo le medie ma osserviamo anche come si sviluppa il prezzo.

4) nel punto quattro troviamo una fase simile al punto uno, le medie sono equidistanti e puntano bene verso l'alto, anche in questo caso ho segnato un punto ideale d'entrata in posizione con una linea bianca e due pallini ai vertici, da questo punto in precedenza notiamo che il prezzo sale con candele verdi ben ponderate verso l'alto già da un po, il nostro punto d'entrata viene confermato sempre con una bellissima candela verde e nessun ripensamento del prezzo a invertire, entriamo a rialzo.

E tutto, ho spiegato come secondo me devono essere viste e utilizzate le medie mobili, ho preferito suggerire subito un buon utilizzo piuttosto che spiegare formule su come si costruiscono e cose di questo tipo..... buon trading a tutti e al prossimo articolo !

venerdì 2 ottobre 2020

Analisi candlestick 6 formazioni

Candlestick analisi tecnica vuol dire lettura e interpretazione delle candele Giapponesi. Qualsiasi indicatore oscillatore noi utilizziamo, applicando la strategia per noi migliore, l'interpretazione di ciò che esprime una candela e una cosa in più di cui tenere conto.,

la lettura della candela non e determinante ma aggiunge valore ai probabili segnali che la nostra strategia ci invia con lo sviluppo e l'evolversi del prezzo, quindi quello che esprime una candela e indicativo partendo sempre da una strategia di fondo, il segnale della candela preso da solo non vale molto, invece assume valore nel contesto in cui si manifesta.

Perchè una singola candela può esprimere qualcosa?  

Una candela assume un significato perchè esprime la battaglia tra compratori e venditori, quando questa assume una conformazione particolare può essere riconosciuta indicando cosa accade o e accaduto nella battaglia, quindi esprime il sentimento e la psicologia di una " compra vendita ", in pratica riconoscendo il contesto dove particolari candele si formano, di conseguenza la candela stessa assume un preciso significato, in base alla sua forma particolare ma identificata e riconoscibile per tutti.

Quando guardiamo le candele Giapponesi stiamo guardando l'estensione delle psicologia dei trader che partecipano con posizioni a vendere o a comprare, la forma della candela al momento della sua chiusura può dirci esattamente cosa e accaduto proprio perchè in particolari condizioni la candela stessa esprime cosa hanno "combinato" i trader dandoci un segnale preciso e "corretto".

Attenzione: In questo post analizzeremo il segnale e cosa indicano sei tipi di candele particolari, ne tralascerò altre, che secondo il mio personale modo di fare trading sono meno importanti, quindi non e una guida esaustiva sull'analisi candlestick, ma semplicemente vi spiego quali candele "speciali" sono importanti per me. 

- Partiamo dalle prime due candele


1) il colore del corpo delle candele non conta, che sia di colore verde o rosso non implica la futura direzionalità del mercato, la cosa importante e la sua dimensione contenuta

2) l'ombra deve essere lunga almeno i due terzi o di più della lunghezza del corpo della candela

3) la long upper shadow e ribassista se si sviluppa vicino un livello di resistenza

4) la long lower shadow e rialzista se si sviluppa vicino un livello di supporto

Come già detto in precedenza non importa di che colore sia la candela, se verde o rossa, ma conta vicino a quale livello di prezzo si forma.

- Vediamo due immagini di esempi reali 

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Qui abbiamo una long upper shadow, come si può vedere il suo colore e verde, ma subito dopo la sua chiusura abbiamo una discesa dei prezzi, ecco perchè vi dicevo che non conta il suo colore per indicare la direzionalità futura., anche se non si vede qui nell'immagine, che ho ridimensionato io appositamente per far vedere meglio e da più vicino la candela, la long upper shadow si era formata su un livello di prezzo che in precedenza era stato un supporto poi trasformatosi in resistenza.  

- Vediamo la seconda immagine

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Qui invece vediamo una long lower shadow, e di colore verde ma sarebbe potuta essere anche di colore rosso, come abbiamo detto quello che conta e la sua forma e dove si e sviluppata, infatti appare su un livello di prezzo che poco prima a fatto da supporto dopo una vorticosa discesa, dalla sua comparsa in poi il prezzo sale con decisione e forza.

- Passiamo alle doji 

Le doji sono candele sempre senza corpo, il significato che predomina su questo tipo di candele e l'indecisione e la possibilità che siamo di fronte all'esaurimento del trend in corso, attenzione però, se trovate delle candele doji su un mercato con scambi ridotti e scarsa volatilità il suo significato e valore viene meno.

1) doji : mostra indecisione ed equilibrio tra forze rialziste e ribassiste, se compare dopo un prolungato trend può essere segno di indebolimento dello stesso

2) long legged doji : si configura con più escursione fra massimo e minimo, rappresenta la battaglia che c'è stata tra forze rialziste e ribassiste senza però aver decretato un vincitore, resta quindi una candela di transizione tra coloro che riusciranno a spingere il prezzo sopra il massimo o sotto il minimo 

3) dragonfly doji : l'apertura e chiusura può essere in corrispondenza del massimo o poco al di sotto, quando la troviamo dopo un trend discendente può preludere a un'inversione

4) gravestone doji : l'apertura e chiusura e in corrispondenza del minimo, quando la troviamo dopo un trend rialzista può preludere a un'inversione

In questo post trovate la candele che per me sono importanti per il mio stile di trading, non e una guida esaustiva, spero e mi auguro abbiate trovato qualcosa di interessante e illuminante anche voi.

giovedì 24 settembre 2020

Metatrader sovrapporre due o più indicatori

Come inserire un indicatore dentro la finestra di un'altro indicatore?

E davvero molto semplice, per prima cosa installate un indicatore sotto il prezzo, ad esempio i volumi, poi dobbiamo scegliere il secondo indicatore da installare all'interno dei volumi, ad esempio una media mobile, quindi puntiamo il mouse su "moving average", teniamo premuto con il tasto sinistro, e trasciniamo sopra l'indicatore di volume, rilasciamo, quindi togliamo il dito dal tasto sinistro, e si aprirà la finestra delle impostazioni della media mobilie, periodo...applicato a chiusura... ecc.. ec.. a questo punto, dopo aver applicato i settaggi premiamo ok, fatto!

In questo modo abbiamo ottenuto un indicatore di volume con una media mobile al suo interno, ma c'è di più, possiamo lasciare solo la media mobile andando a togliere, da " charts, lista indicatori ", l'indicatore di volume, e magari aggiungere altre medie mobili sempre con lo stesso metodo del trascina e rilascia, quindi per chi fa trading con le medie mobili può tranquillamente costruirsi un fascio di medie sotto il prezzo, e non sovrapposte al prezzo come di solito. 

Come si può intuire si possono sovrapporre indicatori identici ma con settaggi differenti, per esempio tempo fa, per mt4, avevo pubblicato sul blog un indicatore personalizzato, un rsi multiplo, ma dalle prove che ho fatto possiamo manualmente aprire un rsi con un certo periodo, poi possiamo sovrapporgli sempre altri rsi con periodi diversi e magari anche cambiando il colore della media.

Preciso che stò parlando, e le mie prove le ho fatte su Metatrader 5, io ormai da tempo utilizzo la mt5, anche se per un periodo ho utilizzato anche la mt4, quindi non ricordo se su mt4 sia valido il sistema del "trascina e rilascia" per sovrapporre gli indicatori, mi sembra di si ma non sono sicuro al 100%.

Possiamo quindi dire che alcuni indicatori personalizzati possiamo crearceli da noi, sicuramente saremo limitati ma molte cose per cui prima serviva per forza un indicatore personalizzato da scaricare, o magari un programmatore che lo realizzasse, con il sistema della sovrapposizione siamo più autonomi e per indicatori abbastanza semplici non siamo costretti a ricercare un programmatore e non dobbiamo nemmeno andare alla ricerca spasmodica di indicatori da scaricare e testare.

Per spiegare il procedimento di sovrapposizione o creato un video


Se vuoi puoi vedere il video ( più in grande ) direttamente sul canale you tube

Come si può anche vedere nel video gli esempi descritti sopra nel post, e cioè i volumi con la media mobile, ed il doppio rsi, sono anche le prove che ho fatto nel video stesso, l'unica cosa che manca e il fascio di medie mobili che si può costruire sotto il prezzo dopo aver tolto l'indicatore di volume, ma la possibilità di realizzare questo tipo di indicatore osservando con attenzione il video si poteva intuirla e immaginarla.

Concludo ricordando che tempo fa pubblicai una strategia che poteva essere applicata con l'utilizzo dello stocastico e lo rsi in contemporanea, la strategia mostrava i due indicatori in due finestre differenti, riducendo di molto anche la chiara visualizzazione del prezzo e della sua volatilità, con quello che abbiamo scritto e spiegato fin'ora sappiamo che adesso i due indicatori possono essere tranquillamente sovrapposti, magari con settaggi e colorazioni differenti.

...per qualsiasi domanda nei commenti :-)

lunedì 14 settembre 2020

Money management trading: quello che devi sapere e applicare, salva il tuo capitale

Occorre sempre sapere, nella gestione del denaro, quanto posso perdere e quanto posso guadagnare da questa operazione, sono le prime cose che devi chiederti e poi impostare sul broker con il quale operi. 

- Non investire più del 2% 3% del tuo intero capitale, se ho un capitale di trading da 10.000 € rimanendo sul 2% investirò per ogni operazione non più di 200 € , questo lo calcoli e imposti con la size sul broker, attenzione quello che imposti con il size si riflette anche sul valore dello stop loss

- Calcola il rischio/beneficio di almeno 1:2  1:3  1:4 , se per esempio ho uno stop loss da 50€ il rendimento o beneficio ( take profit ) deve essere almeno di 100 € si rimaniamo su 1:2, ovviamente sul grafico e tecnicamente sono cose che deve interpretare il trader  

Esempio:

Il mio conto di trading e di 1000 €

il 2% sono 20 €

entro in posizione e:

imposterò una size di 5 € per punto

ho uno stop fisso minimo obbligatorio da 2 punti 10 € 

imposto per maggiore sicurezza altri 2 punti 10 €

valore stop loss 20 €

il rendimento che mi aspetto e di 1:3   60 €

se vado in stop perdo 20 € se vado in profitto guadagno 60 €

Altri piccoli consigli:

- quando vai in perdita non cercare di recuperare subito e con fretta, trova un'altra occasione di trading ponderata e giustificata da una strategia, non cercare di rifarti subito sullo stesso trade andato male, questo può comportare un'entrata in posizione con un rischio/rendimento sballato e azzardato

- cerca di capire quale time frame si adatta meglio alle tue esigenze e stile di trading, molti trader esperti affermano che il minimo time per ottenere un trading profittevole sia almeno il 4 ore, questa considerazione e in parte giusta, più salite con il time frame più eliminerete il rumore di fondo quindi falsi segnali, ma può considerarsi una regola ? assolutamente no, io opero su time di 30 minuti 1 ora e in base alle mie strategie di trading mi trovo benissimo, quindi entra in gioco la tua sensibilità personale come trader in relazione alle tue strategie, tu decidi e tu determini ( i falsi segnali arrivano anche su time a 4 ore )

- bisognerebbe avere più di una strategia, basandosi su un unica strategia le opportunità diventano limitate e si hanno poche possibilità di creare profitto, quindi bisognerebbe disporre di almeno 3 strategie in modo tale da cogliere il maggior numero di possibili trade, meglio ancora se questo gruppo di strategie si basano su concetti simili e affini tra loro, in questo modo avrai un quadro unico e completo di quello che stai facendo, con determinazione sarai più consapevole  

- la volatilità e una cosa buona, ma più che inseguire la volatilità segui il trend 

- imposta stop loss sempre e se non metterai il take profit devi comunque avere un'idea di quanto possa essere il tuo potenziale profitto analizzando quelli che sono stati i movimenti di prezzo sul grafico

- scegli fra le strategie forex più utilizzate e testate da grandi trader ( io parlo di forex perchè e sui cambi valuta che faccio trading )

- e importante capire e sapere la correlazione valuta , questo per non aprire posizioni su due sottostanti diversi ma che puntano nella stessa direzione, magari perdente, e utile invece per diversificare entrare in posizione su due sottostanti con correlazione negativa, significa che se un cambio valuta cresce l'altro scende, in questo modo almeno uno dei due investimenti potrebbe centrare il massimo del profitto auspicabile 

Mi piace immaginare e immaginarmi come un soldato, perchè quando fai trading vai in guerra, e questa guerra o lotta e tra compratori e venditori, chi vincerà? 

Vincerà chi possiede moderazione, fare tantissime operazioni non porta in profitto, farne meno e meglio studiate e ponderate ti permetterà di sopravvivere, e con il tempo psicologicamente diventerai disciplinato e vincente, non esistono colpi di fortuna, esiste la tattica.

Concludo dicendo che l'esempio riportato più in alto con i calcoli in cifre di gestione del denaro e il mio stile di money management, questo per dire che esiste una grande letteratura sull'argomento, e spesso ognuno interpreta in base al proprio piano di trading, quindi se pensate che ci siano errori o meglio si possono apportare modifiche più coerenti ... per tutti i commenti sono aperti!

Al prossimo post ! Buon Trading !

giovedì 10 settembre 2020

Strategia trend following con segnale inizio Trend

Fare trading inseguendo e cavalcando il trend in atto può essere un'ottima strategia di trading, ricordate la frase " il trend e tuo amico ", e assolutamente vero, con il giusto supporto tecnico da parte degli indicatori non serve poi altro che individuare un trend a salire o un trend a scendere.

Quindi la strategia di trend following, seguire il trend, comporta l'individuazione di un sottostante che già si trova in una fase di trend, quello che faremo noi come trader e di investire seguendo la direzione del trend fino all'esaurimento dello stesso.

Quello che secondo me ci viene in aiuto e l'indicatore ADX ,  Average Directional Index, questo indicatore ci segnala quando il trend che stiamo osservando, qualunque esso sia, possiede una grande forza, o al contrario la forza e debole, più la linea dell'adx sale verso l'alto più il trend e in forza., occorre fare attenzione con questo indicatore, molto spesso osservando con poca attenzione si può confondere il movimento della linea dell'adx con l'andamento del prezzo del mercato, niente di più sbagliato, potremmo, per esempio trovarci in un trend a scendere con la linea dell'adx che punta e forma un "claster" verso l'alto, questo indicherebbe una grande forza del trend a scendere

Ovviamente nella strategia di trend following non possono mancare le medie mobili, io quando il trend e già in atto, ne utilizzo due, medie mobili semplice, applicate alla chiusura, una da 10 periodi e una da 24 periodi, nell'immagine che a breve vedremo, quella a 10 periodi e rossa che segue molto da vicino il prezzo, quella a 24 periodi e gialla più distaccata dal prezzo da considerare se toccata come punto di una possibile inversione e stop loss.

Attenzione, la media a 24 periodi rappresenta più un supporto se ci troviamo in un trend a salire, e rappresenta una resistenza se ci troviamo in un trend a scendere, solo la violazione con candele molto ampie e un trend che si posiziona su un diverso livello di prezzo da quello predominante, quindi inverte, ne indica la fuoriuscita dal trade.  

- Vediamo la prima immagine dove abbiamo da seguire un trend a salire e successivamente un trend a scendere

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Come possiamo vedere nell'immagine nel trend a salire ho segnato con due cerchi bianchi i momenti di maggiore forza, il momento in cui io sarei entrato in posizione e il cerchietto con la freccia che indica il prezzo, quella sarebbe stata la mia entrata a rialzo a mercato. Il primo cerchietto indica una forza nascente a salire mentre appunto il prezzo sale, confermato anche dalle medie mobili utilizzate spesso come supporto.

Esaurito il trend a salire comincia un trend a scendere, il primo cerchietto con la freccia che indica il prezzo sarebbe stata la mia entrata a mercato, ma se fate attenzione proprio in quel punto c'è stata una breve risalita del prezzo ben respinta dalla media gialla a 24 periodi, ovviamente vedendo una candela verde avrei atteso il rimbalzo a scendere sulla media gialla. Il secondo cerchietto bianco indica una continuazione di forza a scendere, anche se per un periodo il prezzo si e soffermato su uno specifico livello prima di tornare a scendere con decisione., la fase a ribasso e stata meno armoniosa e più indecisa.

Ora vedremo due immagini, una di un trend nascente a salire, e vedremo da dove inizia, una di un trend a scendere, e vedremo da dove inizia, questo per darvi un'idea di analisi più ampia, in modo tale che possiate attendere il verificarsi di una forte direzionalità di trend prima ancora che questa cominci, in pratica siete in anticipo, quando gli eventi si verificheranno potrete poi applicare la vostra strategia di trend following. Abbiamo in aggiunta una media mobile a 100 periodi, di colore bianco, che ci aiuta ad eliminare il rumore di fondo confermando un dato evento.

- Prima immagine di un trend nascente a rialzo ( segnale inizio trend )

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Come possiamo vedere abbiamo la formazione di un trading range , quindi una lotta tra compratori e venditori, questo viene confermato anche dalla media bianca a 100 periodi, questa si interseca nel mezzo delle altre due medie mobili e del prezzo, anzichè tenersi lontano dal rumore di fondo, questo vuol dire che tutte le forze sono concentrate in un'unico punto, qualcosa di esplosivo sta per accadere, un breakout, ed il breakout arriva, a rialzo, in parte confermato anche da un falso breakout a rialzo contenuto nel trading range.

Appena avvenuto il breakout a rialzo avremmo aggiunto la nostra ADX investendo e applicando la nostra strategia di trend following.

- Seconda immagine di un trend nascente a ribasso ( segnale inizio trend )

( CLICCA L'IMMAGINE PER INGRANDIRLA )

Anche in questo caso abbiamo un trading range, la media bianca a 100 periodi e all'interno, arriva lo "scoppio" del breakout a ribasso, avremmo seguito il trend con l'aggiunta dell'ADX, ancora una volta  c'è stato un falso breakout a ribasso all'interno del trading range, che ripeto non prevede la direzione futura del prezzo dopo la rottura, ma indica chi e più "forzuto" in un determinato periodo e forse predominerà anche in futuro.

La strategia di trend following può essere applicata su di un trend già in atto, o possiamo attendere un trend, quindi abbiamo il segnale che un trend stà per realizzarsi, più opportunità da valutare abbiamo meglio e, concludo dicendo che i falsi breakout individuati nelle ultime due immagini non prevedono la futura direzionalità, e la forte rottura a rialzo o a ribasso finale che ci indica il trend, probabile, da seguire.

Buon trading a tutti! .. per qualsiasi domanda nei commenti :-)

domenica 6 settembre 2020

Trading range significato e Strategia ( con indicatori )

Trading range vuol dire letteralmente " gamma di negoziazione " ,  quindi uno spazio orizzontale dove il prezzo si muove con svariati cross tra un supporto e una resistenza. Spesso il trading range viene associato come opportunità di trading con la strategia breakout, ma secondo la mia opinione ( e credo non solo la mia ) lo stesso trading range offre opportunità di investimento, prima che appunto il supporto o la resistenza vengano con forza trapassati con un break out.

L'occasione di poter far trading tra un supporto e una resistenza e assolutamente valida e importante, il prezzo forma dei cross che salgono e scendono andando a testare sempre i medesimi livelli di prezzo, quando un supporto viene toccato il prezzo viene spinto verso l'alto, quando una resistenza viene toccata il prezzo viene respinto verso il basso, questa figura, il trading range e facilmente riconoscibile, ci si trova di fronte ad un vero e proprio canale, dove il trader coglierà le opportunità di trading sia se vuole investire a ribasso sia se vuole investire a rialzo.

Il primo segnale che dobbiamo cogliere, non arriva da un indicatore o da un oscillatore, la conferma per poter dire di avere delle opportunità di trading arriva da una nostra valutazione del grafico, per prima cosa assicuriamoci che per almeno due volte i minimi ed i massimi abbiano testato i medesimi livelli di prezzo, quindi siamo di fronte alla nascita di un trading range, dove appunto il prezzo si muoverà con andamento laterale, il secondo fattore molto importante e capire quando e in che momento ha iniziato a svilupparsi il canale

Quando un trading range e riconoscibile come tale ?

Al culmine di un forte trend a rialzo se si sviluppa poi un trading range siamo di fronte ad un area di distribuzione, se invece abbiamo la formazione di un trading range dopo un trend a scendere prolungato siamo di fronte ad un'area di accumulazione.

Ecco i nostri Segnali di Trading più importanti

Se dopo un forte e repentino rialzo si sviluppa un canale in cui oscilla il prezzo, se dopo un forte ribasso si sviluppa un canale in cui oscilla il prezzo, siamo di fronte alla nostra opportunità di trading, sappiamo che si e sviluppato un trading range, con due diverse definizioni di sviluppo, che noi possiamo tradare per cogliere i nostri profitti.

- Adesso vi mostro un'immagine stilizzata di un trading range


Occorre aggiungere che un buon canale nel quale andare a tradare deve essere ampio, per darci l'opportunità di macinare il maggior numero di pip possibile, i cross devono essere il più possibile armonici e simili tra loro, quindi il prezzo deve salire e scendere con un certo senso di parità tra venditori e compratori, i supporti e resistenze devono essere rispettati, anche con qualche fuoriuscita temporanea ma con un rientro del prezzo nel canale decisa e repentina.  

Quanto durerà l'oscillazione tra questi due livelli di prezzo e impossibile saperlo, quello che può essere determinato con una certa "sicurezza" e che prima o poi ci sarà un breakout, di cui o accennato all'inizio del post, quindi una forte rottura dei prezzi a rialzo o a ribasso, strategia e opportunità di trading anch'essa, seguite il link a inizio post " strategia breakout " e ne saprete di più.

- Vediamo un'esempio di trading range dopo un forte trend a rialzo con indicatore MACD  


Per prima cosa notiamo guardando il grafico sul prezzo da sinistra il forte trend a salire, al culmine di questo inizia a formarsi il trading range, osservando il prezzo mentre oscilla nel canale possiamo notare l'istogramma del macd che tende a scendere pur trovandosi nella parte superiore della sua linea mediana, questo ci segnalava che i migliori trade sarebbero state posizioni aperte a vendere, quindi ogni volta che il prezzo avrebbe toccato o si sarebbe avvicinato alla resistenza, noi avremmo dovuto tradare a ribasso. Ma il macd non sempre da segnali chiari come in questo caso, ricordiamoci che si tratta di un indicatore di ritardo.
In ultimo vorrei farvi notare nella parte alta destra dell'immagine dove o segnato con un cerchietto bianco, li il prezzo a sforato la resistenza ma con una candela rossa molto più ampia della precedente verde il prezzo e tornato a scendere, ottima opportunità di trading. 

- Vi mostro una seconda immagine dove il MACD e inefficace ma il prezzo si muove molto bene


In questo caso volevo farvi notare due cose, il macd non da segnali operativi come nel caso precedente, semplicemente segue il prezzo, come si muovono i prezzi di conseguenza così fa l'indicatore, ma c'è una seconda cosa molto importante, l'ampiezza del canale e ottima, si possono aprire posizioni guadagnando molti pip, i supporti e resistenze vengono rispettati per un buon periodo di tempo all'inizio, quindi pur non avendo segnali da alcun indicatore potevamo semplicemente basarci sul rispetto del supporto o della resistenza.

- Come ultimo esempio vi mostro un trading range con l'utilizzo delle Bande di Bollinger


Come tutti sappiamo l'utilizzo delle bande di bollinger come punto di inversione del prezzo quando queste vengono trapassate e da tutti sconsigliato, non si fa che ripetere che le bande di bollinger servono per indicare la volatilità, ma io non sono totalmente daccordo, in casi " eccezionali " come l'oscillazione del prezzo in un determinato range, le bande di bollinger che sono formate da delle medie mobili possono determinare dei punti che se oltrepassati possono determinare l'inversione del prezzo. E proprio nelle medie che compongono questo indicatore che si trova il "segreto", le medie non sono altro che la determinazione massima di volatilità di un sottostante, quindi le medie indicano un limite per il prezzo, se poi ci aggiungiamo che siamo in un trading range confermato, o da un forte rialzo o da un forte ribasso, con la formazione poi successiva di supporti e resistenze, allora si che in questi casi le bande di bollinger se oltrepassate possono essere un punto di inversione del prezzo., 

come si può vedere nell'immagine, tutti e quattro i punti segnati con un cerchietto bianco hanno oltrepassato le bande di bollinger, e di conseguenza il prezzo si e diretto in modo spedito dalla parte opposta, assolutamente ottime opportunità di trading, quello che vi consiglio però, e di fare attenzione a una cosa, quando le bande di bollinger rispondono bene alla nostra strategia queste pongono un limite, e cioè quello che a volte il prezzo dopo essersi diretto verso la direzione del nostro investimento, dopo uno sforamento delle bande estreme, a volte fa una risalita o una discesa per poi soffermarsi nella banda mediana delle bande di bollinger. Questo e visibile nell'immagine dove viene segnalato lo sforamento superiore del terzo cerchietto bianco, posso garantirvi che non e una casualità.

Concludo il post dicendovi che lo stop loss deve essere posto appena sopra la resistenza se apriamo una posizione a ribasso, invece appena sotto il supporto se apriamo una posizione a rialzo, dove esattamente dovete calcolarlo voi in base alla volatilità e tenendo presente il rischio rendimento, e qui entra in gioco il take profit che può essere facilmente calcolato in base all'ampiezza del trading range, l'ampiezza del canale, ovviamente impostate "la presa del profitto" rimanendo appena più indietro di dove ipoteticamente il prezzo potrebbe arrivare, meglio essere sicuri. 

... per qualsiasi domanda nei commenti Grazie :-)